IPM23 Banner 800 90

La soddisfazione del Presidente del Consorzio di Tutela che parla di “Ottimi risultati nonostante una crescita del 16% sul prezzo della materia prima”. Buone anche le performance del preaffettato e i dati sulle esportazioni.

Il fatturato al consumo ha toccato i 73 milioni di euro, con una crescita del mercato canadese arrivato a sfiorare la metà dell’export complessivo. Sono alcuni dei principali dati del 2023 comunicati dal Consorzio di Tutela della Coppa di Parma IGP, che rappresenta 21 aziende associate per un comparto da oltre 500 occupati tra addetti diretti e lavoratori legati all’indotto.

Come detto in apertura, nel 2023 il volume del prodotto certificato è cresciuto del 7%, arrivando a superare i 2 milioni di chilogrammi, mentre più in generale la produzione si è assestata sui livelli del 2022 sfiorando i 4 milioni. Un ottimo risultato considerando come l’aumento della materia prima abbia avuto un ruolo predominante nell’ultimo anno. Nello specifico caso del Consorzio di Tutela, il taglio di carne suina utilizzato per la Coppa IGP (la porzione muscolare del collo) ha avuto un rialzo del 16%, in un trend ormai costante.

Buone anche le performance del preaffettato, che dopo un inizio di 2023 negativo ha raggiunto i livelli dell’anno precedente, soprattutto grazie a un +15% fatto registrare a novembre poco prima delle festività natalizie: sono stati 440 mila i chili di carne suina impiegata nello specifico comparto, che ha avuto una incidenza del 30% sul totale delle vendite.

Il canale di commercializzazione principale resta la grande distribuzione mantenendo una quota pari al 70% del turnover del comparto. Ma è in crescita anche il settore Ho.re.ca che per la Coppa di Parma IGP rappresenta una importante vetrina in termini di reputazione e valorizzazione del prodotto.

Ottime le performance registrate per l’export arrivato al 10% sul turnover del comparto, soprattutto per quanto riguarda il Canada, all’interno di un mercato in cui la Coppa di Parma IGP, dal suo ingresso dieci anni fa, è in costante crescita. Il Paese nordamericano nel 2023 ha superato il 45% di quota export complessiva (nel 2021 era al 38%) confermando il primato per maggior importatore di Coppa di Parma IGP, mentre l’area UE continua a rappresentare la principale area di destinazione grazie ai principali partner commerciali come Germania, Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo.

Soddisfatto Fabrizio Aschieri, Presidente del Consorzio di Tutela della Coppa di Parma IGP: "Il 2023 è stato un anno in cui abbiamo affrontato sfide importanti, come la crescita esponenziale del costo delle materie prime arrivato addirittura a un +16%, fattispecie che deriva anche dalla minor disponibilità di suini. Ecco perché aver aumentato i volumi del prodotto certificato ci rende molto soddisfatti e testimonia l’apprezzamento dei consumatori per la Coppa di Parma IGP. Infine, segnalo con piacere la costante crescita del mercato canadese, che prevediamo potrà avere un ulteriore rialzo nei prossimi anni, a testimonianza dell’interesse e della capacità del prodotto nel raggiungere anche i mercati extra europei".

Pin It