IPM23 Banner 800 90

La recente giornata mondiale del pane, celebrata il 16 ottobre, è stata l’occasione per Italmopa, l’Associazione Industriali Mugnai d’Italia che rappresenta l’Industria molitoria italiana per rimarcare la forza e l’importanza di un settore che riveste un ruolo fondamentale nel nostro Paese.

In un momento come questo, dove devastanti conflitti stanno destando preoccupazione in tutto il mondo, la giornata ha fornito anche la possibilità di ricordare come il pane nella storia abbia sempre unito, e mai diviso, popoli, culture e religioni. Ed è per questo motivo che non è semplicemente un alimento, ma anche il simbolo della condivisione, della fraternità, della socialità, e quindi di pace.

Alcuni dati

Passando alla situazione di questo comparto in Italia, Italmopa sottolinea come nel nostro Paese, il pane, oltre alla sua valenza simbolica, costituisca anche un inestimabile patrimonio culturale da tutelare e promuovere: sono circa 250 le tipologie di pane che raccontano la storia dell’Italia, delle sue Regioni, delle sue collettività, tra i quali si contano anche 5 pani IGP (la Coppia Ferrarese, il Pane casareccio di Genzano, il Pane di Matera, la Piadina Romagnola e il Sudtiroler Schuttelbrot) e 3 pani DOP (la Pagnotta del Dittaino, il Pane di Altamura e il Pane Toscano).

La farina o la semola, siano esse di grano tenero, di grano duro o di altri cereali, costituiscono il principale ingrediente del pane e l’Industria molitoria italiana rappresenta un fiore all’occhiello della nostra produzione alimentare per l’altissima qualità e versatilità degli sfarinati ottenuti dalla selezione e dalla trasformazione delle migliori varietà di frumento.

“La produzione, da parte dei nostri Molini, di farine e semole destinate alla sola panificazione, sia essa artigianale o industriale, ammonta annualmente in circa 2.400.000 tonnellate, alle quali aggiungere circa 250.000 tonnellate destinate ai prodotti sostitutivi del pane” evidenzia Andrea Valente, Presidente Italmopa “un quantitativo che tuttavia ha registrato negli ultimi decenni una costante e preoccupante riduzione anche, purtroppo, per alcune campagne che, irresponsabilmente, e ignorando le indicazioni scientifiche contenute nelle “Linee Guida per una sana alimentazione” del CREA - Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, hanno convinto molti consumatori ad eliminare o a ridurre drasticamente i carboidrati in generale ed il pane in particolare dalle loro diete alimentari. È invece opportuno ricordare che il pane è un alimento particolarmente saziante, ricco di importanti proprietà nutrizionali indispensabili al nostro fabbisogno quotidiano quali fibre, proteine, vitamine soprattutto del gruppo B (B1, B2, B3, B9) e minerali (ferro, calcio, fosforo, magnesio e potassio). Ed è per questo che riteniamo che il pane debba continuare a rimanere un assoluto protagonista del nostro modello alimentare”.

Pin It